Lato-b alla Kardashian, ecco come

Dal booty implant al brazilian butt-lift, così ti regali 'chirurgicamente' forme alla Jennifer Lopez o Nicki Minaj.

Se negli anni ’90 e 2000 andava di moda il sedere piccolo e magro, gli anni ‘dieci’ hanno inaugurato un trend che sembra arrivato per restare. Quello delle forme sode e generose, soprattutto del lato-b.  A fare da apripista Jennifer Lopez, che prima delle altre, ha puntato sul fondoschiena anche per ritagliarsi uno spazio unico in un immaginario collettivo che sembrava andar dietro solo al ‘magro è bello‘.  E se la colllega Beyoncé non è mai stata da meno, starlette come Kim Kardashian, Nicki Minaj e Amber Rose hanno costruito sul booty la loro fortuna. Una moda che nei primi tempi ha suscitato ironie e commenti non sempre positivi, ma adesso si sta imponendo anche a forza di interventi chirurgici mirati e costosissimi.

BRAZILIAN BUTT-LIFT
Questo trattamento è per chi voglia un sedere simile a quello di Jennifer Lopez, Kim Kardashian o Nicki Minaj, senza inserire vere e proprie protesi in silicone. Il trattamento costa da 12 mila a 20 mila dollari, e consiste dal prelevare grasso da altre parti del corpo, come addome o ‘maniglie dell’amore‘, e impiantarlo poi nelle natiche. Il tutto dura 2/3 anni.  Secondo l’American Society for Aesthetic Plastic Surgery, il lifting al sedere «alla brasiliana»  è stato l’intervento di chirurgia plastica in maggiore ascesa in Usa nel 2013.

BOOTY IMPLANTS
Per questo intervento si utilizzano protesi in silicone, come per le operazioni di mastoplastica additiva. Il prezzo è ridotto di circa la metà, si aggira fra i 6 mila e il 12 mila dollari, ma è anche più rischioso. Gli impianti vengono inseriti sopra i muscoli o tra i fasci muscolari, ed èpoi necessaria  una liposuzione per rimodellare la forma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Look Argomenti: , , , , , Data: 08-06-2015 06:15 PM


Lascia un Commento

*