«Il blush è vera poesia»

di Elisa Pavan
Con o senza labbra scarlatte, il nude look ha conquistato le dive dei red carpet a Venezia 72. Simone Belli, National Makeup Designer L’Oréal Paris, ci svela come ottenerlo.

SimoneBelliL'OrealQuali sono i must di un make up da vera star oggi? Non c’è occasione migliore dei grandi festival cinematografici per prendere appunti e rubare dettagli di stile alle dive che affollano i red carpet. Chi ha seguito con occhio critico le sfilate sul tappeto rosso di Venezia 72 si sarà accorto che la tendenza dominante quest’anno è il nude look. Per capire quali sono i segreti sfoggiati dalle dive, Letteradonna.it ha intervistato Simone Belli, National Makeup Designer L’Oréal Paris: ecco i suoi consigli.

Elisa Sednaoui. La madrina di Venezia72 sfoggia un nude solare, con nuance bronzo a valorizzare gli occhi.

Elisa Sednaoui. La madrina di Venezia72 sfoggia un nude solare, con nuance bronzo a valorizzare gli occhi.

DOMANDA: Simone, tre tendenze make up da copiare dai red carpet veneziani?
RISPOSTA: Al primo posto cito sicuramente il nude look, poi le labbra in primo piano e le sopracciglia naturali, ma strutturate.
D: Partiamo dal nude look. Esattamente che cosa vuol dire?
R: Innanzitutto nude non significa ‘senza trucco’ e nemmeno solo fondotinta. Molte pensano: «Faccio la base e sono a posto». Quella è solo una faccia truccata a metà. Il nude è uno dei make up più difficili da realizzare, perché il trucco c’è, eccome, ma va a creare un effetto naturale e armonioso, non artefatto. Si declina diversamente a seconda della forma del viso, dell’incarnato, ma anche dell’età. Pelli più mature, ad esempio, hanno bisogno di maggiori contrasti cromatici.

Berenice Bejo. Un nude look con tanto mascara e illuminante per l’attrice francese.

Berenice Bejo. Un nude look con tanto mascara e illuminante per l’attrice francese.

D: Chi ha truccato con il nude look qui a Venezia?
R: La madrina di Venezia 72, Elisa Sednaoui, ha indossato un nude look solare, con occhi ombreggiati da una tonalità rossiccia per renderli più brillanti. Minimalista anche il trucco di Berenice Bejo: niente texture pesanti, sì all’illuminante e tanto mascara. Con Alba Rohrwacher, invece, abbiamo realizzato un nude romantico: la sua pelle pallida è perfetta per le gote rosate, quindi abbiamo giocato con il blush, che per me è vera poesia. Una donna senza blush è una donna che piange!
D: Veniamo alle labbra. Pare che sia tornato di moda il rossetto scuro: conferma?
R: Più che altro c’è voglia di portare l’attenzione sulla bocca. Non dico che ci siamo spostati dagli occhi alle labbra, perché l’occhio in primo piano non passa mai di moda, ma le donne oggi osano giocare con i colori e iniziano a vivere i rossetti scuri in modo più trasversale.

Elizabeth Banks. Per la prima di Everest la giurata ha sfoggiato una bocca scarlatta molto seducente.

Elizabeth Banks. Per la prima di Everest la giurata ha sfoggiato una bocca scarlatta molto seducente.

D: Si sceglie il colore in base all’occasione, insomma?
R: Sì, e soprattutto in base all’effetto che si vuole ottenere e comunicare. Il rosa è freschezza e naturalezza, il rosso una seduzione elegante, anche se il prugna d’ispirazione Nineties è già un azzardo. Lo studio del proprio viso è sempre alla base di tutto. Un prugna sarà meno dirompente su una carnagione olivastra che su una bionda dalla pelle chiarissima, per la quale l’effetto gotico è dietro l’angolo. Può avere senso, ma bisogna essere consapevoli di volere quel look.
D: Qualche esempio di bocca fatale sul red carpet veneziano?
R: Elizabeth Banks e Paz Vega hanno sfoggiato una bocca rossa supermat, che comunica subito una sensazione di grande eleganza e sensualità. Per Cristiana Capotondi, al contrario, ho addirittura scelto un blush sulle labbra idratate, lo stesso messo sulle guance e sugli occhi, per un effetto nude molto delicato e romantico anche sulla bocca.

Paz Vega. L’attrice spagnola osa una bocca rossa e super mat, elegante e sensuale.

Paz Vega. L’attrice spagnola osa una bocca rossa e super mat, elegante e sensuale.

D: Veniamo alle sopracciglia. Come vanno di moda quest’autunno?
R: La tendenza per le sopracciglia è la naturalezza, che recupera un’ispirazione quasi Anni 80: devono essere corpose, ma senza arrivare allo spessore eccessivo di quegli anni. Poi vanno definite con matite e mascara appositi che servono a valorizzare l’apertura dello sguardo e dare equilibrio al viso. Occhio però a non renderle troppo grafiche.

Cristiana Capotondi. Nude look romantico sui toni del rosa per l’attrice romana.

Cristiana Capotondi. Nude look romantico sui toni del rosa per l’attrice romana.

D: Che ruolo ha il mascara?
R: È un elemento fondamentale nel trucco. Se si sceglie un nude look o si ha voglia di sfoggiare un rossetto importante, poi, è l’alleato perfetto. Con le ciglia materiche gli occhi sono già truccati in modo semplice ed efficace.

Alba Rohrwacher. L’attrice ha un trucco nude molto semplice: sulle guance, blush rosa.

Alba Rohrwacher. L’attrice ha un trucco nude molto semplice: sulle guance, blush rosa.

D: Un ultimo consiglio per le nostre lettrici?
R: Fare attenzione alla teatralità: il make up serve a valorizzare, non a coprire i lineamenti. Cominciate scegliendo se puntare su occhi o labbra e definite il resto di conseguenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*