Scolpite per forza

Per camuffare i segni dell'invecchiamento, le donne dello star system lavorano sulla massa muscolare per togliere spazio al grasso in eccesso. Ma a volte, più che toniche, sembrano rinsecchite.
minogue_zellweger_versace

Kylie Minogue, Renée Zellweger e Donatella Versace.

Lisce e toniche da giovanissime, secche e scolpite dai 35 anni in su. Quando l’età e la gravità decidono di cominciare ad assestare i primi colpi a una gioventù che va a sfiorire, le donne del jet set internazionale corrono in palestra. Per dimagrire? Anche. Ma il loro primo obiettivo è soprattutto incrementare la massa muscolare, assottigliando il grasso il più possibile e prevenendo il rischio di sviluppare le flosce e temutissime braccia ad ali di pipistrello.

IN PALESTRA PER LAVORARE
Come ricorda il Daily Mail, a lanciare la moda del fitness a tutti i costi è stata Madonna, che ormai da anni sfoggia un fisico scolpito in ogni sua fibra muscolare. Con il passare degli anni, l’hanno imitata in molte: Demi Moore, Victoria Beckham, Sienna Miller, Renée Zellweger, solo per citare i nomi più famosi. In una Hollywood che tende, da sempre, a mettere da parte le attrici al primo segno di vecchiaia, l’obiettivo delle signore è palese: rimandare il più possibile il momento della pensione.

PRO E CONTRO
Le innumerevoli ore trascorse in palestra, però, si portano dietro alcuni effetti collaterali che cozzano con l’idea di femminilità dominante. Le spalle sono scolpite, le clavicole sporgenti, il seno è più piccolo e le vene in vista. Per non parlare del volto, che tende a diventare sempre più scavato. A quel punto non rimane altra opzione che ricorrere al ritocchino strategico a base di filler, che ‘rimpolpa’ il viso. Il risultato, però, è un esagerato contrasto tra un corpo secco e coriaceo e un volto gonfio e artificialmente morbido.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*