Il festival dell'indignazione

In oltre 60 anni, Sanremo non ha solo fatto la storia della musica, ma soprattutto quella della televisione e del costume italiano. Ecco i 9 scandali che hanno destato maggiore scalpore.

01-00218456000002Le canzoni? A Sanremo, in fondo, fanno solo da contorno. Perché, per dirla come Luzzatto Fegiz, dal punto di vista musicale Sanremo non è nient’altro che «una macedonia ragionata». Lo spettacolo, quello vero, quello di cui tutti parlano, lo fanno il toto-ospiti, le polemiche, le gaffe, le cadute dalla famigerata scalinata, le fughe di capezzoli e chi più ne ha più ne metta. Ma quali sono gli scandali che, negli anni, hanno alimentato l’interesse del pubblico nei confronti della più famosa kermesse canora italiana? Ne abbiamo scelti 9, i più clamorosi.

celentano-sanrem-spalleSPALLE AL PUBBLICO
Nell’Italia tutto sommato ancora ingessata del 1961, Adriano Celentano decide di scioccare il pubblico. Come? Con un gesto che all’epoca fece scalpore e che finì per essere oggetto anche di un’interrogazione parlamentare perché oltraggioso: il Molleggiato, infatti, durante l’interpretazione di 24 mila baci, voltò le spalle al pubblico. Un gesto che venne definito addirittura come oltraggioso.

dallaGESÙ BAMBINO
È il 1971 quando Lucio Dalla decide di portare al Festival un brano che sarebbe diventato tra i suoi più celebri, 4/3/1943. Solo che, inizialmente, il titolo avrebbe dovuto essere Gesù Bambino. Non solo il titolo venne giudicato irrispettoso di per sé, ma anche perché il Gesù Bambino di cui canta il testo della canzone è il figlio di una ragazza madre rimasta incinta in un fugace rapporto con un soldato sconosciuto.

sanremo-1980IL BACIO
Nel 1980 il Roberto Benigni dei Dieci Comandamenti era ancora di là da venire. Quell’anno, sul palco dell’Ariston, imbarazzò i presenti lanciandosi in un lungo bacio, durato quasi un minuto, con la valletta Olimpia Carlisi. Poi, riferendosi a papa Giovanni Paolo II, si lanciò in un clamoroso «Wojtylaccio!». Il risultato? Un’incriminazione per offesa alla religione di Stato, accusa da cui venne poi assolto.

berte pancione sanremoPANCIONE DI GOMMA
L’esibizione choc di Lady Gaga col pancione fasullo? Nulla di nuovo: la nostra Loredana Berté l’aveva già fatto nel 1986, accostandolo a un’aderente mise in borchie e pelle nera. Una trovata scenica che fece infuriare praticamente chiunque: dalle madri, che vedevano offesa la loro femminilità e la supposta sacralità della gravidanza, alle donne che non potevano avere figli.

1-patsy-kensitVEDO NON VEDO
Attrice, cantante, personaggio televisivo: l’inglese Patsy Kensit è un’affermata donna di spettacolo, ma in Italia la ricordiamo per un unico episodio: quella wardrobe malfunction in seguito alla quale, durante il Festival del 1987, la spallina del suo abito cedette lasciando intravedere un’ombra del capezzolo della cantante.

baudo suicidio sanremoMI BUTTO O NON MI BUTTO
È il 1995 quando il Festival di Sanremo viene scosso da un tentativo di suicidio in diretta: Pino Pagano si issa su una balaustra e, davanti agli occhi del pubblico attonito, minaccia di lanciarsi di sotto. Provvidenziale l’intervento di Pippo Baudo, che convince Pagano a non farla finita. Anni dopo, però, lo stesso Pagano scrisse una lettera in cui spiegava di aver organizzato tutto con la Rai. Ma Baudo sapeva o no? Il mistero rimane.

alina sanremoBABY CANTANTE
Chi si ricorda di Alina? Praticamente nessuno, ma nel 2003 la sua partecipazione al Festival aveva destato scalpore a causa della sua tenerissima età, appena 13 anni. Indignatissimo il Moige, ma anche il Comitato dei minori.

2012 International Book Fair of TorinoI FUMI DI MORGAN
«Fumo crack tutti i giorni». Nel 2010 la sincerità di Morgan non venne apprezzata dagli organizzatori del festival, che decisero di estromettere il frontman dei Bluvertigo dalla manifestazione canora. Un esilio durato fino al 2016, che lo vede tornare sul palco dell’Ariston con il brano Semplicemente.

Argentinian model Belen Rodriguez is seeLA FARFALLINA DI BELÉN
L’ultimo grande scandalo sanremese risale al 2012, anno in cui Belén Rodriguez, vestita con un abito dal vertiginosissimo spacco, mette in mostra la sua farfallina tatuata sull’inguine. Lo spacco è tale che l’Italia intera è sicura di una cosa, ovvero che Belén sia salita sul palco senza indossare slip di alcun genere. Così non è: sotto quell’abito rosa e azzurro, Belén indossava una strapless panty. Alla faccia dell’allora presidente Rai, l’austera e castigatissima Anna Maria Tarantola designata dall’altrettanto ingessato Mario Monti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*