Ecco chi l'ha messo a nudo

L'account Twitter che ha pubblicato le foto hard di Simone Coccia è rumeno. Ma la donna dei messaggi espliciti è brasiliana. Abbiamo parlato con i protagonisti di questa vicenda.
Stefania Pezzopane e Simone Coccia durante le recenti vacanze in Grecia.

Stefania Pezzopane e Simone Coccia durante le recenti vacanze in Grecia.

Foto hard e proposte piccanti in chat, più un misterioso account rumeno. Cinque protagonisti e una spettatrice, che immaginiamo nera di rabbia. Un matrimonio che traballa già prima di essere celebrato. Senza dimenticare denunce reciproche (vere o fasulle), presunti tentativi di estorsione e tanto, tanto rancore. Sono questi gli ingredienti dello scandalo esploso il 6 settembre e che ha travolto Simone Coccia, compagno e promesso sposo della senatrice Pd Stefania Pezzopane. LetteraDonna ha provato a fare chiarezza su questa vicenda.

LA DONNA DELLA CHAT
L’account rumeno ‘Bucuresti’ rimane un mistero (materiale per la polizia postale), ma sappiamo che la donna con cui Coccia si scambiava bollenti messaggi è brasiliana e vive a Roma. Raggiunta da LetteraDonna, non ha negato e ha raccontato di temere che, a questo punto, lui la possa denunciare, «perché adesso è nella merda», come le ha detto. Ma come ha fatto una chat su Facebook tra due persone ad arrivare su Twitter? La donna è convinta che dietro a tutto questo ci sia Alessandro Maiorano, che si sarebbe servito di un ‘complice’, Gianfranco Marrocchi. L’obiettivo? Avvicinarla e convincerla consegnare loro foto delle chat, con la scusa che Coccia fosse pronto a denunciarla per tentativo di estorsione. E, sebbene la donna non avesse mai chiesto al compagno della Pezzopane nessuna somma di denaro per non pubblicare le foto, lei ha ceduto: «Ho dato le foto per paura, ho anche un figlio. Mi dicevano ‘Ti devi tutelare’, ‘Devi dare le foto ai giornali’, insistevano perché facessi come Giovanna Rigato e Lucia Bramieri (che hanno rivelato di essere state contattate da Coccia, ndr)». Alla fine lo ha fatto, spiega, senza chiedere soldi in cambio, visto che nessuna rivista o sito aveva accettato di comprarle. Ma le rimane l’amarezza perché, comunque, sono uscite fuori senza il suo consenso. Piuttosto, a che pro sono poi finite su Twitter, se nessuno ci ha guadagnato? Per rancore, spiega: Maiorani e Marrocchi sono in pessimi rapporti con la coppia Pezzopane-Coccia. E in effetti basta fare una breve ricerca su Internet per capire come, in effetti, potrebbe essere stato proprio questo il ‘movente’.

Gianfranco Marrocchi.

Gianfranco Marrocchi.

I TENTATIVI DI VENDERE LO SCOOP
A questo punto è giusto sentire le altre campane. Abbiamo raggiunto Gianfranco Marrocchi, giornalista e direttore di TvPiu.it, indagato per tentativo di estorsione risalente al 2014 ai danni di Stefania Pezzopane (per una foto che la ritraeva in una vasca idromassaggio insieme a Simone Coccia e all’ex narcotrafficante Gennaro Bonifacio, poi diffusa dai media), ci ha portato alle origini della vicenda, ovvero a quando donna brasiliana e Coccia si sono conosciuti su Facebook e lui, con la scusa di voler sostenere una campagna contro la violenza sulle donne, ha iniziato a mandarle messaggi sempre più espliciti. Siccome non era interessata, lei a inizio 2016 avrebbe contattato Maiorano, sempre tramite Facebook, perché voleva parlare con il suo avvocato, Carlo Taormina, per denunciare Coccia per molestie. «Io invece l’ho conosciuta (telefonicamente, ndr) tramite Maiorano, perché lei voleva raccontare la storia ai giornali per guadagnare qualcosa, ed eventualmente pagare Taormina», spiega Marrocchi che, aggiunge, ha provato a vendere lo scoop ai giornali, ma invano. «Quando Coccia ha annunciato il matrimonio con la senatrice Pezzopane, ci abbiamo provato di nuovo, ma nessun giornale ha mostrato interesse. A questo punto Coccia, che era venuto a saperlo, ha iniziato a minacciare me e Maiorano: voleva denunciarci perché, secondo lui, l’avevamo pagata per farle tirare fuori false prove di un tradimento». E la donna, impaurita da Coccia che l’avrebbe minacciata di farle togliere il figlio, e convinta soprattutto dall’insistenza di Maiorano, per tutelarsi ha comunicato di voler far uscire le foto delle chat, anche senza compenso. Ed è successo, su Twitter. Ma Marrocchi, spiega, in questo non c’entra: il suo unico ruolo è stato quello di metterla in contatto con un fotografo, Mauro Terranova, e dunque con i giornali. «Non so chi ci sia dietro l’account rumeno. Ho consigliato alla donna di denunciare alla polizia postale. Io ho solo consegnato le foto al mio avvocato, nel caso Coccia ci avesse davvero denunciato per estorsione, ma a quanto pare non l’ha fatto». Il compagno della Pezzopane, spiega Marrocchi, non è nuovo a questo modus operandi: solo per fare un esempio, ha denunciato per tentata estorsione anche la sexy star Serena Rinaldi, con cui era stato paparazzato, con le foto poi pubblicate da Novella 2000. «Ora Coccia dice che vogliono colpire la Pezzopane tramite lui. Ma la verità è che fa delle stronzate. E deve fare ammenda. Spero si becchi una condanna per calunnia».

Alessandro Maiorano.

Alessandro Maiorano.

«DEVE ARRABBIARSI CON SE STESSA»
Alessandro Maiorano è un dipendente comunale pratese che, fatture alla mano, ha accusato Matteo Renzi di aver speso indebitamente soldi pubblici quando era presidente della provincia di Firenze e che, per questo, è stato querelato dal Presidente del Consiglio. Da qui la conoscenza con Carlo Taormina, suo avvocato difensore. L’altro ‘nemico’ di Maiorano è Coccia: la loro è una battaglia che va avanti da tempo a colpi di denunce reciproche (anche in questo caso suggeriamo una ricerca su Internet). Maiorano conferma di essere stata contattato dalla donna perché lei aveva letto di queste querelle con Coccia: saputo della chat a luci rosse, lui le ha detto che se voleva denunciare il compagno della Pezzopane per molestie, avrebbe potuto metterla in contatto con Taormina. Il quale però le ha consigliato di lasciar perdere. «Io invece ho denunciato Coccia per calunnia aggravata, riferita al fatto che io avrei pagato questa ragazza al fine di fare qualcosa con lui. Quando l’ho saputo, ho depositato le foto alle procure di Campobasso e Prato (lo confermano delle foto che ci ha inviato, ndr)». Maiorano spiega di non aver avuto le foto direttamente dalla brasiliana, che non gliele voleva consegnare, e nemmeno da Marrocchi e Terranova, ma di essere riuscito a ottenerle grazie ai suoi contatti nei media. E l’account rumeno? Maiorano è stupito dal fatto che la donna possa pensare sia stato lui a crearlo: «Come faccio a sapere chi ha pubblicato su Twitter? Le foto le ha diffuse lei incontrando il fotografo Marco Terranova. Poi cosa ne abbia fatto lui, non lo so. Comunque, invece di arrabbiarsi con me, lo faccia con se stessa. È stata lei a provare a dare le foto ai giornali».

Da sinistra: Lucia Bramieri, Giovanna Rigato e Serena Rinaldi.

Da sinistra: Lucia Bramieri, Giovanna Rigato e Serena Rinaldi.

LE CONFERME DEL FOTOGRAFO
Così abbiamo contattato anche Mauro Terranova, un po’ restio a parlare della vicenda. Tuttavia, il fotografo ha confermato la versione di Marrocchi e anche quella di Maiorano: il primo lo ha contattato per fare le foto alla chat, mentre con il secondo non ha sostanzialmente rapporti. Quanto all’account ‘Bucuresti’, non ha idea di chi possa averlo creato. Le foto, che non hanno interessato i giornali perché «troppo trash», tra l’altro non sono più in suo possesso: ha precisato infatti di averle cancellate dall’hard disk per timore che, nel caso di furto del suo pc, venissero poi diffuse.

Simone Coccia commosso mentre parla in tivù della sua storia con Stefania Pezzopane.

Simone Coccia commosso mentre parla in tivù della sua storia con Stefania Pezzopane.

TRA DUBBI E CERTEZZE
Proviamo a fare un riassunto, tra alcune certezze e ragionevoli dubbi. Coccia e la donna si conoscono su Facebook e iniziano a chattare. A un certo punto le conversazioni si fanno piccanti e, stando a quanto dice lei, rimane tutto prettamente virtuale. Successivamente, lei decide di contattare Maiorano (o sono gli altri a cercare lei, come sostiene) per arrivare a Taormina e denunciare Coccia per molestie e, al tempo stesso, parla anche con Marrocchi: c’è la volontà di vendere lo scoop ai giornali, per fare soldi e, sembra, per tutelarsi dalle minacce di Coccia. Marrocchi e Terranova fanno le foto e le propongono ai media, senza successo. Ci riprovano quando Coccia annuncia il matrimonio con Stefania Pezzopane, ma ricevono solo rifiuti, anche alla proposta di pubblicare senza compenso. Nel frattempo Maiorano ha bisogno delle immagini e se le ottiene in qualche modo, consegnandole poi in procura. Il 6 settembre viene creato l’account Twitter ‘Bucuresti’, di cui non si niente, che pubblica le immagini. E che sono, lo sottolineiamo, foto allo smartphone di Catia, con la chat di Facebook aperta.

Per completare il servizio, avremmo voluto ascoltare anche Simone Coccia, il vero protagonista, letteralmente messo a nudo da questo vicenda. Che, secondo le nostre fonti, potrebbe presto aggiungersi di nuovi elementi. Femminili, nello specifico. Purtroppo, abbiamo provato a contattarlo ma non abbiamo avuto risposta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Amori Argomenti: , Data: 08-09-2016 05:36 PM


Lascia un Commento

*